SE SALISSIMO UN GRADINO
SE SALISSIMO UN GRADINO

SE SALISSIMO UN GRADINO

(Garbuggino/Ventriglia)
9-10 aprile 2022 | h 21:00-18:00

Primo studio della “Leggenda del grande inquisitore” da I fratelli Karamazov di Dostoevskij

Lo studio parte dal trasalire di una voce nel brusio di una sala e coincide con un’apertura dello spazio scenico che accoglie il pubblico sul palco come testimone di un accadimento sospeso tra il racconto e l’incarnazione drammatica. Gradualmente, passo dopo passo, attraverso un’intensificazione del dialogo attoriale, con Gaetano Ventriglia che si ritrova nei panni di Ivan Karamazov e Silvia Garbuggino in quelli del fratello Alesa intenti a discutere in una taverna, il loro confronto slitta in modo inaspettato nel vortice di quella Leggenda che è rimasta conficcata nel tempo come una scheggia profetica che nessuna interpretazione è mai riuscita del tutto a esaurire. Il titolo è un verso da Poesia ininterrotta di Paul Eluard. In un nostro spettacolo del 2017 era Don Chisciotte a pronunciare queste parole in un discorso che da allora non si è mai fermato.

con Silvia Garbuggino e Gaetano Ventriglia
drammaturgia e regia Attilio Scarpellini
produzione compagnia Garbuggino Ventriglia
produzione esecutiva Pilar Ternera
luce Gianni Staropoli
disegno del suono Emanuele Pontecorvo

La Compagnia Garbuggino–Ventriglia è stata fondata nel 2002 da Silvia Garbuggino e Gaetano Ventriglia. Ispirandosi a un teatro puro e visionario fondato sulla drammaturgia dell’attore, la compagnia si è dedicata soprattutto all’attraversamento scenico della grande letteratura (Dostoevskij, Cervantes, Pasolini) e del grande teatro (Cechov, Shakespeare).

“Gaetano Ventriglia e Silvia Garbuggino sono l’incarnazione impossibile del teatro che non ha carne, il teatro fantasma che appare come un sogno e lascia interdetti come di fronte a una visione, il teatro che trattiene – appunto– e che dell’intrattenimento non sa proprio cosa farsene.” Graziano Graziani – minima&moralia

 

Comments are closed.